La differenza tra cubetto e sanpietrino sta tanto nella forma quanto nella tecnica, il sanpietrino è un blocco di struttura cubica a forma di piramide tronca, mentre il cubetto è un elemento la cui forma ricorda grossolanamente un cubo ottenuto mediante le macchine da spacco. Definiti anche “Bolognini” o “Sanpietrini”, con la loro adattabilità, forniscono la risposta ideale per ogni tipo di superficie. Essi uniscono un elevato contenuto estetico e tecnologico e sono adattabili ad ogni tipo di ambiente e temperatura. La forma ottenuta per spaccatura meccanica, e la grande varietà di colori, permettono ai posatori molteplici soluzioni estetiche, che spaziano dalla classica posa ad arco contrastante, alle più ricercate pose a coda di pavone o a disegni geometrici. Oggi il cubetto rimane una delle tipologie di pavimentazioni più apprezzate nella realizzazione di viali privati o pubblici, sia carrabili sia pedonali.
Fra i principali punti di forza di questo tipo di pavimentazione vi sono la sua elevata resistenza ai carichi (correlata alla dimensione del cubetto), la sua durabilità, la sua versatilità di posa, la sua capacità di seguire armoniosamente le pendenze del terreno, la bassa scivolosità della sua superficie, la possibilità di realizzare disegni geometrici (e.g. posa ad archi) e non da ultimo il suo tradizionale fascino. La superficie superiore (e quasi sempre quella inferiore) del cubetto è a piano naturale di cava, senza eccessiva ruvidità, in modo da permettere un comodo calpestio, mentre le quattro facce laterali si presentano spaccate, quindi molto più ruvide. I vari spigoli del cubetto non devono essere necessariamente uguali e le varie facce spaccate possono non essere ortogonali tra loro. Tali elementi presentano un’ottima resistenza all’usura, un buon coefficiente d’attrito e sono adattabili in base alle diverse situazioni di arredo urbano.

Macchine per lavorazione Cubetto / sanpietrino

Impianti con macchine di tipo chiuso automatizzate, personalizzabili nei sistemi di alimentazione e nei modelli di macchina.

Piccole linee automatiche composte da un nastro di alimentazione e una macchina chiusa, ideali per produzioni di pavé o di listelli.

Macchine manuali con struttura aperta, singole. La pietra può essere manipolata più volte con facilità grazie alla presenza del banco di lavoro.

Trova la soluzione giusta per te.

Compila il form e raccontaci le tue esigenze.