Pietra blu

La pietra blu è una roccia sedimentaria di colore grigio-azzurro la cui estrazione principale è in Belgio, Francia, Irlanda. È una roccia calcarea dura, solida, pesante e compatta come il marmo, con caratteristica resistenza agli agenti atmosferici, sporco e inquinamento, in quanto non è porosa, naturalmente impermeabile, resiste all’umidità ed asciuga rapidamente. Cambia il colore da nero / grigio-chiaro /blu-grigio in base alla lavorazione e finitura. La pietra blu è una pietra da costruzione ma anche pietra ornamentale.

È conosciuta, oggi, per le sue applicazioni nel campo dell’architettura e dell’interior-design, per decorazioni, pavimentazioni, rivestimenti a parete, soglie, davanzali, piani di lavoro ed è indicata per zone che richiedono una pavimentazione antiscivolo come bordi piscine e bagni. Viene estratta in cava in blocchi e solamente in parte viene lavorata a spacco, quasi sempre nel senso della vena. Abitualmente dai blocchi segati si ottengono piastre per rivestimento o blocchetti a spacco con macchina automatiche, di tipo chiuso, serie Px, oppure se la pietra ha un’altezza più significativa anche su macchine P4, dotate di lame laterali. Inoltre, le piastre segate possono essere lavorate sulla scapezzatrice che ne sbuccia la parte superiore per ottenere l’effetto spaccatello, mantenendo un lato segato ideale per la posa.

Macchine per lavorazione Pietra blu

Frantoi a mascelle caratterizzati da una struttura pesante e robusta adatta alla frantumazione primaria di materiali duri (graniti e porfidi) oltre a materiali di media durezza (marmi e pietre in genere e cemento). A seconda delle esigenze produttive Mec propone 3 versioni di frantoio a mascelle.

Impianti con macchine di tipo chiuso automatizzate, personalizzabili nei sistemi di alimentazione e nei modelli di macchina.

Macchine manuali di tipo chiuso, per lo spacco di grandi blocchi irregolari, con l’adattamento meccanico degli utensili.

Nella versione T2 la macchina scapezzatrice ha due teste che scapezzano (sbucciano) entrambi i lati della piastra ottenendo in un unico passaggio la superficie rustica e splittata, tanto ricercata per i rivestimenti. Grazie alle due teste, la produttività di questa versione è molto alta.

Ideale per il recupero di scarti di segagione, la scapezzatrice T1 è una macchina automatica dotata di una testa con utensile che sbuccia le piastre di pietra segata, ottenendo così una superficie rustica. La versione T1 è indicata per chi non ha esigenze di grandi produzioni, visto che lavora un lato della piastra per volta.

Sistema automatico per spaccare a metà in senso orizzontale piastre o filagne segate sui 6 lati, anche personalizzabile.

Dotato di un altro principio di costruzione e funzionamento il mulino a martelli CRUNCH è ideale per la frantumazione secondaria e la macinazione di pietre, cemento e inerti, ottenendo così polvere e sabbia più o meno grossa a seconda dell’esigenza produttiva.

La Serie Fast nasce appositamente come linea di macchine per il taglio di pietre informi, come nel caso dell'andesite. Queste macchine rappresentano, quindi, la soluzione ideale anche per lo spacco e la definizione dell'andesite. La Serie Fast assicura la riduzione dei tempi di trasporto e una maggior produttività.

Trova la soluzione giusta per te.

Compila il form e raccontaci le tue esigenze.